Incidente a Campagna, chi erano i due carabinieri morti. Un terzo è grave. Le Foto

Altri tre feriti di cui un anziano in prognosi riservata. Il luogo del sinistro e una prima dinamica

amazon-road-house-film

La classica pattuglia del sabato sera, un po’ per controllare chi è alla guida delle vetture e fermare chi ha bevuto e un po’ per vigilare sul territorio della giurisdizione della stazione carabinieri di Campagna.

Una pattuglia a tre su una Grande Punto, con tre giovani carabinieri: il maresciallo Francesco Pastore, di 25 anni di Manfredonia, l’appuntato scelto Francesco Ferraro, di 27 anni di Montesano Salentino (che sedeva sulla parte posteriore della vettura), e il carabiniere M.V. che era alla guida. I primi due sono morti, il terzo militare è rimasto gravemente ferito (ma non è in pericolo di vita all’ospedale di Eboli).

Gravi le condizioni dell’occupante di una Punto, un 75enne di Campagna, che è in prognosi riservata all’ospedale di Battipaglia. Ferite anche le due donne, una 31ene Campagna che era alla guida della Range Rover e una 18enne che le sedeva accanto, trasportate all’ospedale di Oliveto Citra.

LA DINAMICA
In corso le indagini per ricostruire l’esatta dinamica del sinistro mortale

In via Carli a Campagna, ex Strada Statale n.91, in zona Sant’Andrea, nei pressi del quadrivio di Campagna viaggia una pattuglia dei carabinieri. Alle ore 23 circa, la Grande Punto con i colori istituzionali dell’Arma svolta a sinistra, all’altezza del distributore Q8 e in quel momento è arrivata la Range Rover con le due donne a bordo. Il Suv ha preso in pieno la Gazzella dei carabinieri e poi è finito sul lato opposto contro un’altra Punto con il 75enne a bordo.

LEGGI ANCHE: Incidente stradale a Campagna, morti due carabinieri, ferite altre 4 persone

Tragico l’impatto. Praticamente l’appuntato Ferraro è morto sul colpo. Il maresciallo Pastore, soccorso da un’Ambulanza è deceduto lungo la strada per l’ospedale. Sul posto sono intervenute sei ambulanze per trasferire i quattro feriti begli ospedali di Battipaglia, Eboli e Oliveto Citra.

Davanti a loro, i vigili del fuoco del distaccamento di Eboli e della sede centrale di Salerno si sono trovati di fronte l’auto dell’Arma ridotte a un ammasso di lamiere dalle quale sono riusciti ad estrarre il corpo del defunto appuntato Ferraro e gli altri due militari ancora vivi.
amazon-promozione-musica-rtalive-21

Nella sala dell’obitorio dell’ospedale da questa notte sono arrivati i vertici regionali dell’Arma e in mattinata è previsto anche l’arrivo del prefetto Francesco Esposito e di altri gradi dell’Arma.


IL COMANDANTE PROVINCIALE, I FAMILIARI E IL CORDOGLIO PUBBLICO
Le salme dei due giovani carabinieri pugliesi verranno liberate già nel pomeriggio. “Siamo vicini alle famiglie di due bravi e giovani carabinieri” ha detto, commosso, il comandante provinciale, colonnello Filippo Melchiorre.

I familiari delle due vittime hanno raggiunto in nottata l’ospedale di Eboli, dove si trovano i corpi dei due carabinieri, morti mentre erano in servizio. Dopo il via libera della procura, le salme potranno fare ritorno in Puglia, dove verranno celebrati i funerali. Sui social anche le dichiarazioni di cordoglio di molti cittadini, dei sindaci di Eboli e Campagna e di molte associazioni per la morte dei due militari ben voluti e apprezzati.

LE INDAGINI
La procura indaga per omicidio stradale.

loading ads