Una pagina fb per sostenere i papà separati. Marco Albani continua la sua battaglia

Padri separati, papà disperati, relegati ai margini o del tutto estromessi dalla vita dei figli.

Nel nostro Paese è ormai andata consolidandosi una prassi giudiziaria che privilegia le madri quali punto di riferimento educativo, che stabilisce l’assegnazione dei figli e della casa alla madre, mentre ai padri viene assegnato un ruolo di mero sostegno economico. Eppure i padri sono molto di più che un bancomat ma a molti figli viene negato, da alcune madri, il diritto ad avere un padre. Da anni, tanti papà , molti ridotti a vivere in povertà e in alcuni casi costretti a dormire in auto o alla Caritas, hanno iniziato la loro battaglia per continuare ad essere dei padri anche quando i matrimoni finiscono. Padri intenzionati difendere il diritto dei bambini di amare due genitori e quattro nonni, perché i genitori sono tutti uguali e anche i papà meritano rispetto.

Da qualche anno un giovane padre nocerino ha iniziato la sua battaglia per potersi vedere riconosciuto il diritto di continuare a svolgere il ruolo di padre. In aula di tribunale, sui social e sui media, Marco Albani da oltre 2 anni combatte la sua battaglia per poter crescere suo figlio proprio come sta facendo la sua ex moglie.

Oggi Marco ha dato vita anche ad una pagina fb chiamata “Padri Separati – Fuori Dal Silenzio”. Perché molti papà vivono ancora nel silenzio il dramma di non poter vedere i propri figli e non hanno la forza ed il coraggio di reagire utilizzando tutti i mezzi che pure la legge mette a loro disposizione.

Questa paginascrive Albaninasce con l’obiettivo di creare un punto di incontro seppur virtuale per papà separati che vivono le stesse esperienze, le stesse difficoltà e affrontano le stesse battaglie per affermare il loro diritto ad esercitare la genitorialità. Un contenitore per dialogare, per scambiarsi esperienze e consigli, ma anche per affrontare insieme il dolore- continua l’imprenditore nocerino- perché è risaputo che l’unione rende più forti e meno soli. Non saranno fatte polemiche e accuse di alcuna sorta a nessuno chiarisce ancora Marco Albani la pagina fb sarà un canale per informarsi , per proporre, per parlare e confrontarsi sul proprio vissuto. Benvenuti a quanti decideranno di far parte di questa famiglia dice ancora Albani mettendo mi piace – LINK QUI –.

loading ads